“Il mio consiglio è di uscire al freddo”.

"Il mio consiglio è di uscire al freddo". - KOZ E Warm

Negli ultimi giorni le temperature si sono aggirate intorno allo zero. A Winterswijk, la gente si stava preparando per le prime gare di pattinaggio su ghiaccio naturale questa settimana, mentre a Twente era in vigore il codice giallo a causa della neve fastidiosa. Il novembre 2023 è entrato nei libri come un mese mite, con una temperatura media di 7,8 gradi, ma con un finale gelido.

“Anche per me è stato un brivido, i primi passi nel freddo”, dice il professore di termoregolazione dell’Università di Maastricht Wouter van Marken Lichtenbelt. “Inizialmente il corpo deve abituarsi al freddo. Dopo qualche giorno di freddo, diventa già più sopportabile, mi sento dire. Lo dimostrano anche i nostri esperimenti di laboratorio”.

“Attualmente, due dottorandi, Adam Sellers e Sten van Beek, stanno lavorando a un primo test del freddo con brividi, in una serie di dieci giorni. Sembra che tutto rallenti un po’. All’inizio la pressione sanguigna sale, ma dopo dieci giorni si è abbassata e anche gli zuccheri nel sangue sono diminuiti, dopo aver consumato una bevanda zuccherata. Anche gli acidi grassi a digiuno e i grassi nel sangue sono diminuiti. Tutti questi sono cambiamenti metabolici benefici. Pertanto, il mio consiglio è: uscite al freddo”.

 

Il mese di novembre è stato mite e all’improvviso è arrivato il freddo, a volte pungente. Cosa succede esattamente nel vostro corpo?

“A temperature estremamente basse, si inizia a rabbrividire. Il metabolismo, che è quasi sinonimo di produzione di calore corporeo, aumenta notevolmente, fino a tre o cinque volte di più rispetto al metabolismo a riposo. In questo modo si riesce a sopportare molto, anche se i brividi non sono così confortevoli. E ancora: dopo essersi abituati al freddo, i brividi diminuiscono un po’ e la produzione di calore chimico nelle nostre cellule aumenta un po'”.

 

Il clima nei Paesi Bassi sta diventando sempre più estremo. Come possiamo affrontarlo correttamente?

“Negli ultimi decenni siamo gradualmente scivolati nella trappola del comfort. Il nostro corpo può sopportare le fatiche, ma non dovrebbe rimanere bloccato a 20 gradi tutto il giorno. Una maggiore attività fisica combinata con una maggiore variazione della temperatura ambientale funziona bene, rende più resistenti agli estremi – sia al freddo che al caldo – ed è anche salutare. Inoltre, si usa meno il riscaldamento in inverno e meno l’aria condizionata in estate. Risparmiare energia è fondamentale per rallentare il cambiamento climatico. Per me è come prendere due piccioni con una fava”.

 

In quale circostanza vi sentite meglio e che cosa ha a che fare con questo?

“A volte mi definisco un amante del calore. Amo il calore e la mia camera da letto può essere bella e calda anche in estate. Ma se voglio fare un lungo giro in bicicletta, preferisco una giornata invernale. Mi sento molto più a mio agio al freddo quando mi sforzo. E, stranamente, mi piace anche accoccolarmi sotto la lana in una stanza fredda in inverno. Quando mi sento parlare così, non sono molto coerente”.

 

Lei ha svolto ricerche su questo argomento per oltre 30 anni, ma From Shivering to Sweating è il suo primo libro. Ha fatto qualche scoperta sorprendente mentre lo scriveva?

“Molto, in effetti. Per esempio, ho approfondito il tema ‘sport e temperatura’. Poi si nota che nel mondo dello sport vengono consigliate molte cose che non hanno un supporto scientifico”.

 

Può fare un esempio?

“Molte persone raffreddano i muscoli dopo l’esercizio fisico nella speranza che questo favorisca la costruzione muscolare. Le ricerche suggeriscono il contrario. Si può favorire il recupero, ma la crescita muscolare peggiora. Inoltre, anche un riscaldamento supplementare dopo l’esercizio non aiuta la crescita muscolare. Sembra quindi che il corpo faccia già bene da solo”.

 

Si vedono sempre più persone che nuotano in acque libere tutto l’anno, nonostante le basse temperature. È un bene per voi?

“Se non includiamo per un attimo i cardiopatici, perché devono solo stare attenti, allora dico: sì, ma con una riserva. Se il nuoto vi rende felici, allora è positivo e dovreste assolutamente farlo. Inoltre, la nostra ricerca ha dimostrato che una leggera abitudine al freddo – sei ore al giorno a circa 15 gradi – è positiva per il metabolismo e per l’equilibrio degli zuccheri. Quindi stare regolarmente al freddo è benefico per il modo in cui il corpo elabora il cibo”.

 

Nel campo del freddo, negli ultimi anni avete avviato una serie di progetti di ricerca che non solo erano altamente innovativi dal punto di vista scientifico, ma avevano anche una chiara rilevanza sociale.

“Esatto. In questo contesto, è opportuno citare la nostra ricerca a freddo su persone con diabete e in sovrappeso. In entrambi i gruppi abbiamo riscontrato un effetto benefico sul metabolismo degli zuccheri. La loro sensibilità all’insulina è aumentata in modo significativo e l’assorbimento del glucosio nei muscoli è migliorato”.

 

Per quanto riguarda il clima estremo: oltre ai brividi e alla sudorazione, capite anche le piogge interminabili?

“L’unico vantaggio delle forti piogge è che le nostre aree naturali si stanno riprendendo da alcune estati troppo secche. Questo mi fa sentire bene. A parte questo, la pioggia di tutti i giorni mi rende un po’ cupo. Ho vissuto per un po’ ai tropici e per cinque anni a Curaçao mi sono svegliata piacevolmente sorpresa perché il sole splendeva.

 

Eppure, l’altro giorno mi sono sentito abbastanza felice per un forte acquazzone. Perché è successo davvero qualcosa. Anche adesso non sono del tutto coerente”.

 

CV Wouter van Marken Lichtenbelt

Van Marken Lichtenbelt ha conseguito il dottorato di ricerca presso l’Università di Groningen nel 1991 sulla ricerca sulle iguane. Si è trasferito all’Università di Maastricht per studiare la temperatura e il corpo umano. Il suo lavoro pionieristico sul tessuto adiposo bruno gli è valso un riconoscimento internazionale nel 2009. Dal 2014 è professore di termoregolazione a Maastricht. Dai brividi al sudore è il suo esordio come autore.